Piccole Donne – La Recensione

La bellezza della semplicità

Questa è la storia di Jo, Amy, Meg e Beth March. La storia di quattro ragazze, quattro sorelle, che non potrebbero essere più diverse tra loro, ma tutte con sogni, desideri, aspirazioni e un grande cuore. La storia di Piccole Donne. 

DF-09055_R-ImageReview_2000x1333p_app-proxy

Il 2019 è stato un anno di grande produttività per il cinema, non tanto a livello quantitativo – potrebbe anche essere, non ci siamo messi a far di conto -, quanto a livello qualitativo.  Questa Award season, rispetto a quelle immediatamente passate, è caratterizzata da un’insolita incertezza, che se non si conoscessero (o, almeno, intuissero) molti dei meccanismi dietro le assegnazioni dei premi, e ci si basasse solo sui criteri il più possibile oggettivi e meritocratici (per quanto si possa essere oggettivi nel giudicare l’arte), sarebbe davvero arduo decretare un solo e assoluto vincitore per ogni categoria.

In questo discorso rientra perfettamente il Piccole Donne di Greta Gerwig.  L’ultimo adattamento dell’opera cartacea di Louisa May Alcott per mano della regista di Lady Bird è un notevole passo avanti rispetto alla sua precedente creatura, e ci permette di azzardare l’accostamento del termine “perfezione” al suo titolo. Non è qualcosa che diciamo con leggerezza, badate bene. E bisogna sempre contestualizzare: Piccole Donne è perfetto nella misura in cui è stato fatto esattamente tutto ciò che si poteva fare – e come lo si poteva fare – nell’adattare e rinnovare un grande classico.

Florence Pugh (Finalized);Meryl Streep (Finalized)

Per argomentare, una volta in sala troverete che, al di là del gusto personale, al di là delle proprie convinzioni morali, al di là delle proprie preferenze in fatto di generi/attori/metodi narrativi, la storia delle Sorelle March non poteva – e probabilmente non avrebbe neanche avuto senso farlo – essere raccontata diversamente. La Gerwig riesce a cogliere fin nei minimi particolari lo spirito dell’opera originale, pur ampliandola e ristrutturandola quanto (e quando) basta per attualizzarla, senza la minima forzatura (sarà difficile, complessivamente, trovare di che lamentarsi in termini di fedeltà al romanzo).

Ad esempio, una delle sue più evidenti “rivoluzioni”, seppur graduale e mai invadente, è stata la caratterizzazione del personaggio di Amy (Florence Pugh), uno dei generalmente meno amati dai lettori. Nella pellicola, in parte grazie alla pregnante interpretazione della Pugh, e in parte grazie proprio al lavoro di fino della regista/sceneggiatrice, quello della terza sorella March diventa uno dei breakout character della storia, a cui sono tra l’altro consegnate alcune delle migliori battute (come il discorso ispirato dalle parole di Meryl Streep – fun fact -, che nel film interpreta la Zia March).

Louis Garrel (Finalized);Saoirse Ronan (Finalized)

 

Questo non vuol dire che la nostra empatia non vada in gran parte a Jo (Saoirse Ronan, che nonostante sia solita interpretare questo genere di ruoli, qui sembra decisamente più agio che altrove), come è probabilmente vero anche per la maggior parte dei lettori del libro, ma il modo in cui sono delineati tutti i personaggi, anche i secondari (anche Mr. Laurence o John Brooke, per non dire il più ovvio Laurie) ci permettono di sentirci vicino a ognuno di loro.

Ma la grande forza di Piccole Donne, e dell’operazione portata avanti  dalla Gerwig in particolare, è quella di rendere straordinario l’ordinario. È paradossalmente più semplice, in un certo senso, portare avanti con successo una storia in cui ad attirare l’attenzione sono già tanti altri elementi (ambientazione fantastica, forti caratteristiche distintive di genere, personaggi con tratti particolari ecc.), ma quanto è difficile rendere accattivante e mai banale la vita e le difficoltà quotidiane (come, d’altronde, quest’anno ha fatto con successo anche il marito della Gerwig, Noah Baumbach, con il suo Marriage Story)?

main_large.jpg

Trionfa quindi, in questo caso, la bellezza della semplicità, di quell’ordinarietà resa più entusiasmante da una brillante scrittura, un’ottima interpretazione, e un’eccellente visione d’insieme. E tanta, tanta passione per l’opera, la storia e il mestiere.

Piccole Donne è nelle sale italiane dal 9 gennaio 2020.

Laura Silvestri

Info

Titolo Originale: Little Women

Data di Uscita: 9 gennaio 2020

Durata: 135'

Regia: Greta Gerwig

Con: 

Saoirse Ronan, Florence Pugh,

Timothée Chalamet, Laura Dern,

Emma Watson, Eliza Scanlen,

Meryl Streep, Louis Garrel

Distribuzione: Sony Pictures

Beautiful Boy – A Milano Il Film In Anteprima Al Cinema Colosseo

 

Martedì 28 maggio 2019, ore 21.00
Milano – Cinema Colosseo – Viale Monte Nero, 84

In anteprima in Sala Biografilm

BEAUTIFUL BOY

 Il commovente racconto dell’amore incrollabile di una

famiglia e il rapporto tra un padre e un figlio.

Tratto da una storia vera di redenzione e coraggio.

foto-beautiful-boy-7-low.jpg 

Martedì 28 maggio a Milano, al Cinema Colosseo, Sala Biografilm presenta l’anteprima di BEAUTIFUL BOY, in versione originale sottotitolata, con Steve Carell, Timothée Chalamet e Maura Tierney. Dopo il successo di Alabama Monroe, con il quale è stato candidato all’Oscar per il miglior film straniero, il regista belga Felix Van Groeningen dirige una storia familiare intensa e commovente. Il film parte dal romanzo di Nic Sheff, il ragazzo che ha raccontato la sua odissea personale tra le droghe, e da quello di suo padre David, che ha ricordato le peripezie per provare a salvare il figlio. I protagonisti sono Steve Carell, che interpreta David Sheff, e Timothée Chalamet, giovane stella scoperta recentemente con Chiamami Col Tuo Nome. Il film, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nel 2018, ha ricevuto una candidatura ai Golden Globes per il migliore attore non protagonista.

Il film sarà nelle sale italiane dal 13 giugno 2019, distribuito da 01 DISTRIBUTION.

BEAUTIFUL BOY

BEAUTIFUL BOY di Felix Van Groeningen

CODICE DI SCONTO

Inserendo il codice BB28PR sul sito biografilm.it/boy sarà possibile ottenere una riduzione sul costo dell’ingresso, da 9,50 a 6 euro

Nicolas Sheff ha 18 anni ed è un bravo studente: scrive per il giornale della scuola, recita nello spettacolo teatrale di fine anno e fa parte della squadra di pallanuoto. Ama leggere e possiede una spiccata sensibilità artistica; in autunno andrà al college. Da quando ha 12 anni però, ama sperimentare le droghe; da qualche tempo ha provato la metamfetamina e, come lui stesso dichiara, “Il mondo, da bianco e nero, improvvisamente è diventato in Technicolor”. In breve tempo Nic, da semplice adolescente che fa uso sporadico di stupefacenti, si trasforma in un vero e proprio tossicodipendente.

Beautiful Boy è la storia, tanto onesta quanto spietata, di una famiglia che accompagna il proprio figlio nella lotta contro l’assuefazione. Basato sull’omonimo bestseller del noto giornalista David Sheff e sull’apprezzata autobiografia di suo figlio Nic, il film descrive il potere distruttivo della droga e la forza rigenerante dell’amore.

Angosciante, struggente, ma anche ricco di gioia, di amore e di speranza, Beautiful Boy racconta il baratro in cui Nic sprofonda, le sue assenze, le promesse tradite, la rabbia, e il modo in cui David si adopera per salvare il suo “bellissimo figlio” dalle conseguenze della dipendenza.

beautiful-boy-locandina-low

La Redazione

Comunicato stampa: Biografilm/Echo Srl

Dune – Il Via Alle Riprese Del Film

Risultati immagini per denis villeneuve

Iniziano le riprese di Dune, l’adattamento cinematografico diretto da Denis Villeneuve dell’omonimo romanzo di Frank Herbert.

Il film dal cast stellare – tra gli attori finora coinvolti Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson , Oscar Isaac , Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Zendaya, David Dastmalchian, Stephen Henderson, Charlotte Rampling, Jason Momoa, e Javier Bardem – sarà girato anche in Ungheria e in Giordania.

Scritta dallo stesso Villeneuve, assieme a Eric Roth e Jon Spaihts, la pellicola sarà distribuita in tutto il mondo da Warner Bros. Pictures e Legendary Entertainment.

Dune, avventura epica di un eroe e carica di emotività, narra la storia di Paul Atreides, giovane brillante e di talento nato con un grande destino che va oltre la sua comprensione, che dovrà viaggiare verso il pianeta più pericoloso dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e alla sua gente. Mentre forze maligne si fronteggiano in un conflitto per assicurarsi il controllo esclusivo della più preziosa risorsa esistente sul pianeta – una materia prima capace di sbloccare il più grande potenziale dell’umanità – solo coloro che vinceranno le proprie paure riusciranno a sopravvivere.”

Laura Silvestri

Comunicato Stampa: Warner Bros. Italia
Immagine: Agence Claude Girard

 

BAFTA 2019 – Tutti I Vincitori

BAFTA

Si è svolta ieri sera al Royal Albert Hall di Londra la cerimonia dei BAFTA.

Arrivati quest’anno alla 72ª edizione, sono considerati gli Oscar Inglesi, e sono i premi consegnati dalla British Academy of Film and Television Arts, organizzazione  fondata nel 1947 da David Lean, Carol Reed, Alexander Korda e Charles Laughton.

La cerimonia, condotta per l’occasione, dall’attrice Joanna Lumley ha visto vincitori i film La Favorita di Yorgos Lanthimos e Roma di Alfonso Cuarón, che probabilmente porteranno a casa anche molti degli Oscar più importanti.

A sfidare il freddo sul Red Carpet tantissime le star presenti, tra cui anche Cate Blanchett, Amy Adams, Timothée Chalamet, Bradley Cooper e molti altri.

Hanno fatto il loro ingresso trionfale sul Red Carpet anche il Duca e la Duchessa di Cambridge: William, che è anche il presidente dei BAFTA, e Kate Middleton, in un vaporoso abito bianco di Alexander McQueen.

In fondo all’articolo troverete il recap della BBC con i momenti salienti della serata.

Ma scopriamo insieme tutti i vincitori:

Miglior Attore protagonista

  •   Bradley Cooper (A Star Is Born)

  •   Christian Bale (Vice)

  •   WINNER Rami Malek (Bohemian Rhapsody)

  •   Steve Coogan (Stan & Ollie)

  •   Viggo Mortensen (Green Book)

 

Miglior Attrice Protagonista

  •   Glenn Close (The Wife)

  •   Lady Gaga (A Star Is Born)

  •   Melissa McCarthy (Can You Ever Forgive Me?)

  •   WINNER Olivia Colman (The Favourite)

  •   Viola Davis (Widows)

 

Miglior Regia

  •   Spike Lee (BlacKkKlansman)

  •   Paweł Pawlikowski (Cold War)

  •   Yorgos Lanthimos (The Favourite)

  •   WINNER Alfonso Cuaron (Roma)

  •   Bradley Cooper (A Star Is Born)

 

Miglior Film

       BlacKkKlansman

       The Favourite

       Green Book

       WINNER Roma

       A Star Is Born

 

Migliori Costumi

       The Ballad of Buster Scruggs

       Bohemian Rhapsody

       WINNER The Favourite

       Mary Poppins Returns

       Mary Queen of Scots

 

Miglior Film Straniero

       Capernaum

       Cold War

       Dogman

       WINNER Roma

       Shoplifters

Migliori Effetti Speciali

       Avengers: Infinity War

       WINNER Black Panther

       Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

       First Man

       Ready Player One

Miglior Debutto

  •   Apostasy

  •   WINNER Beast

  •   A Cambodian Spring

  •   Pili

  •   Ray & Liz

Miglior Fotografia

•     Bohemian Rhapsody

  •   Cold War

  •   The Favourite

  •   First Man

  •   WINNER Roma

 

Miglior Attore Non Protagonista

  •   Adam Driver (BlacKkKlansman)

  •   WINNER Mahershala Ali (Green Book)

  •   Richard E. Grant (Can You Ever Forgive Me?)

  •   Sam Rockwell (Vice)

  •   Timothée Chalamet (Beautiful Boy)

Miglior Sceneggiatura Originale

  •   Cold War

  •   WINNER The Favourite

  •   Green Book

  •   Roma

  •   Vice

Miglior Colonna Sonora

  •   BlacKkKlansman

  •   If Beale Street Could Talk

  •   Isle of Dogs

  •   Mary Poppins Returns

  •   WINNER A Star Is Born

 

Miglior Sceneggiatura Non Originale

  •   WINNER BlacKkKlansman

  •   Can You Ever Forgive Me?

  •   First Man

  •   If Beale Street Could Talk

  •   A Star Is Born

EE Rising Star

  •   Barry Keoghan

  •   Cynthia Erivo

  •   Jessie Buckley

  •   Lakeith Stanfield

  •   WINNER Letitia Wright

Miglior Attrice non protagonista

  •   Amy Adams (Vice)

  •   Claire Foy (First Man)

  •   Emma Stone (The Favourite)

  •   Margot Robbie (Mary Queen of Scots)

  •   WINNER Rachel Weisz (The Favourite)

Miglior Trucco

  •   Bohemian Rhapsody

  •   WINNER The Favourite

  •   Mary Queen Of Scots

  •   Stan & Ollie

  •   Vice

Miglior Documentario

  •   WINNER Free Solo

  •   McQueen

  •   RBG

  •   They Shall Not Grow Old

  •   Three Identical Strangers

Miglior Montaggio

  •   Bohemian Rhapsody

  •   The Favourite

  •   First Man

  •   Roma

  •   WINNER Vice

 

Miglior Sonoro

  •   WINNER Bohemian Rhapsody

  •   First Man

  •   Mission: Impossible – Fallout

  •   A Quiet Place

  •   A Star Is Born

Miglior Cortometraggio Inglese

  •   WINNER 73 Cows

  •   Bachelor

  •   The Blue Door

  •   The Field

  •   Wale

Miglior Corto d’animazione Inglese

  •   WINNER Roughhouse

  •   I’m OK

  •   Marfa

Miglior Scenografia

  •   Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

  •   WINNER The Favourite

  •   First Man

  •   Mary Poppins Returns

  •   Roma

Miglior Film Inglese

  •   Beast

  •   Bohemian Rhapsody

  •   WINNER The Favourite

  •   McQueen

  •   Stan & Ollie

  •   You Were Never Really Here

Miglior Film d’animazione 

  •   Incredibles 2

  •   Isle of Dogs

  •   WINNER Spider-Man: Into The Spider-Verse

Anna Antenucci

Recap: BBC on YouTube
Immagine: How To Watch

Beautiful Boy – Trailer, Immagini e Sinossi Del Film

Trailer In Lingua Originale

Dal regista di Alabama Monroe, Felix Van Groningen, arriva distribuito da 01 Distribuition, e in esclusiva per l’Italia da RAI Cinema, Beautiful Boy, il film basato su una storia vera con protagonisti Steve Carell e Timothée Chalamet.

Ecco la sinossi ufficiale:

Beautiful Boy è il commovente racconto dell’amore incrollabile di una famiglia e della sua totale dedizione nei confronti di un figlio tossicodipendente che cerca di uscire dal tunnel. Il film è tratto da due autobiografie, una scritta dal noto giornalista David Sheff e l’altra da suo figlio Nic Sheff. A fronte delle ripetute ricadute di Nic, gli Sheff dovranno accettare la dura realtà che la droga è una malattia che non discrimina nessuno e che può colpire chiunque, in qualsiasi momento.”

Il film prodotto da Amazon Studios, Big Indie Pictures, Plan B Entertainment e Starbucks Entertainment uscirà nelle sale il 14 febbraio 2019. Nel cast anche Maura Tierney, Amy Ryan, Timothy Hutton.

Materiali Stampa: US
Trailer: Amazon Studios – Youtube

Lucrezia Roviello e Laura Silvestri